Studio legale Picozzi Morigi
ITEN
Giovedi, 16 agosto 2018
Newsletter Svizzera 3

L’Autorità di vigilanza sul mercato finanziario (FINMA) detta le linee guida in materia di ICO  (Initial Coin Offering)

Newsletter 3

Il 16 febbraio 2018, ad integrazione della comunicazione 04/2017 del 29 settembre 2017, la FINMA ha pubblicato una guida nella quale individua i criteri pratici alla stregua dei quali eserciterà le proprie funzioni di vigilanza sulle ICO e sui “token” (o “coin”) da quest’ultime emessi. 

In tale documento la FINMA chiarisce che, pur non esistendo ancora una regolamentazione specifica, l’eventuale illiceità delle attività svolte dalle ICO verrà accertata sulla base delle normative vigenti, ove ritenute applicabili al caso concreto.

In tale ottica, l’Autorità di vigilanza svizzera ravvisa la necessità di un esame dettagliato della (i)struttura e (ii)del contenuto effettivo di ogni singola ICO e “token”, in modo da individuare eventuali tentativi di elusione delle leggi svizzere in materia di mercati finanziari (v. LInFi, OInFi, LBVM, OBVM, LSF, LBCR e LRD).

 

Al riguardo, per razionalizzare il proprio compito di vigilanza e garantire la dovuta trasparenza, la FINMA ha prudenzialmente enucleato tre diverse categorie di ICO (e “token”), in relazione alla loro funzione economica:

 

1.     ICO di pagamento, i quali emettono “token” (o “coin”) trasmissibili ed assimilabili a mezzi di pagamento (criptovalute). L’Autorità di vigilanza svizzera non li giudica come “valori mobiliari” ma li ritiene assoggettabili alla normativa di antiriciclaggio (LRD).

2.     ICO di utilizzo, i quali tendenzialmente emettono “token” che conferiscono il diritto di accedere all’utilizzo o ad un servizio digitale. La FINMA non li ritiene “valori mobiliari”, salvo sia presenteuna funzione economica d’investimento.

3.     ICO d’investimento, i quali emettono “token” che rappresentano veri e propri valori mobiliari, con applicabilità di tutte le normativedel caso(LBVM, LInFi, OBVM, LSF, ecc.).

 

Nei casi in cui l’Autorità federale di vigilanza abbia il sentore che una ICO  eluda o violi le surrichiamate fonti normative in materia di mercati finanziari, o che sia istituita con scopi fraudolenti, avrà il potere di avviare una procedura di enforcement.

 

Si resta a disposizione per ulteriori chiarimenti e approfondimenti.